[105]: Olimpiadi Rio

Come vi avevo anticipato nel messaggio di auguri nel Natale 2016, Silvia Zennaro, figlia del nostro associato Franco Zennaro ha partecipato alle Olimpiadi di Rio 2016 nella disciplina vela. Ho conosciuto Franco negli anni ’70 quando entrambi frequentavamo la facoltà di medicina, io di Venezia e lui di Chioggia. Sapevo che era un ottimo velista, ma la mia stima nei suoi confronti è ulteriormente cresciuta sapendo che sua figlia era riuscita a qualificarsi per le Olimpiadi 2016. L’ho pregato quindi di scrivere per tutti noi un resoconto di questa avventura brasiliana. Leggendo i testi e guardando le foto vi accorgerete di quanto siano importanti nello sport entusiasmo e allenamento costante e che la “ simpatia” della famiglia porta a dei risultati ancora migliori. Esattamente come nel nostro studio, nel nostro lavoro e nelle nostre professioni.

Ciao a tutti. Sono Silvia Zennaro, sono nata a Chioggia nel 1989. Pratico vela di sempre: dapprima con il mio papà poi con Optimist, successivamente con Europa e dal 2012 con La20160805_175255ser Radial (classe olimpica femminile). Nel corso della mia carriera dopo innumerevoli vittorie nell’ Optimist e numerosi titoli italiani nella classe Europa, fra cui campionessa mondiale nel 2011; nel 2012, considerando il fatto che la classe Europa era stata esclusa dalle Olimpiadi, ho cambiato classe scegliendo Laser Radial nuova classe Olimpica femminile. In questa classe le vittorie sono state numerose e numerosi anche i titoli di campionessa italiana. Intanto si avvicinavano le Olimpiadi di Rio. Per arrivarci ho dovuto compiere un percorso durato quattro anni. Nel 2014 durante il campionato del mondo delle classi Olimpiche a Santander (Spagna) sono riuscita a selezionare l’Italia per la classe Laser Radial ai giochi Olimpici di Rio 2016 ed in seguito a selezionare me stessa tra tutte le altre italiane partecipanti. Devo precisare che alle Olimpiadi partecipano solo le 40 nazioni selezionate e un solo candidato per disciplina, in questo caso per la classe velica. Le classi veliche che possono partecipare alle Olimpiadi sono 10, l’Italia ne ha potuto selezionare solo 9. Dopo aver ricevuto la comunicazione della selezione Olimpica ero estremamente felice ed emozionata, ma solo nel momento sono entrata nello stadio Maracanà alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi e solo dopo aver sfilato davanti a migliaia di persone ed aver individuato e salutato i miei genitori negli spalti, ho realizzato di essere veramente arrivata a raggiungere il sogno di ogni atleta: le OLIMPIADI. L’emozione mi ha sopraffatta e mi sono sentita quasi svenire, la gioia era indescrivibile. Anni e anni di sacrifici ripagati in un secondo di infinita soddisfazione. Ho insistito molto affinché i miei genitori fossero presenti perché ho sempre condiviso con loro la mia carriera velica e ho voluto che fossero con me in questo grande e magnifico momento perché a Rio ci siamo arrivati insieme.13995383_1267824199894676_7596627479589946955_o

Le Olimpiadi hanno rappresentato per me l’apice della mia carriera fino ad ora e costituiscono un esempio di straordinaria grandezza e magnificenza. Tutte queste emozioni purtroppo mi hanno fatta andare un po’ in tilt tanto che ne ho risentito molto durante le regate che non hanno portato a quei risultati in cui speravo. Inizialmente ero molto delusa del risultato ma successivamente rendendomi conto che non avevo comunque mai mollato e avevo fatto del mio meglio mi sono perdonata ed ho iniziato a convincermi che avevo comunque fatto qualcosa di eccezionale! E’ stato particolarmente emozionante condividere esperienze e racconti con gli atleti più forti del mondo e osservare che in quel momento non esisteva nessuna differenza culturale in quanto eravamo tutti atleti d’elite e tutti determinati a vincere! Quando sono tornata a casa non riuscivo più a darmi uno scopo preciso perché avevo raggiunto ormai un grande obietti20160802_104905 vo; ma adesso ho deciso di continuare la mia carriera e le mie avventure in vista della prossima Olimpiade di Tokyo 2020 e ovviamente di migliorare significativamente la mia prestazione, essendo decisamente carica e motivata.

Mia moglie ed io abbiamo accompagnato Silvia in un percorso di anni. La prima regata io e Silvia l’abbiamo vinta insieme, quando Silvia aveva solo sei anni. Kilometri e kilometri di auto con barca sopra il tetto per accompagnarla in ogni angola del nostro continente per allenamenti e campionati vari. Poi ci siamo trovati catapultati a Rio senza ben rendercene conto. Ogni tanto ci guardavamo e ci dicevamo: “ Ma siamo proprio a Rio e nostra figlia partecipa alle Olimpiadi?” . Non ci sembrava vero… Il momento più particolare ed emozionante di tutta questa avventura Olimpica è stato quello della cerimonia di apertura al Maracanà, dove insieme ad altre migliaia di persone di ogni razza, colore, religione gioivamo e ci emozionavamo all’ingresso degli atleti. Quando sono entrati gli italiani il nostro cuore è esploso per l’emozione ma è stato vano il tentativo di riconoscere quale potesse essere nostra figlia, eravamo troppo lontani… Quando, dopo circa dieci minuti, gli italiani sono arrivati al posto loro assegnato, ci è arrivata una telefonata: “ Hei, sono qui sotto, sventolate la vostrdsc_0925a bandiera che io sventolo la mia così ci riconosciamo!”. La gioia è stata enorme e l’emozione stellare. All’interno del Maracanà due bandiere italiane hanno sventolato simultaneamente e ci siamo potuti riconoscere e vedere da lontano. Uno dei momenti più belli della nostra vita. Silvia nonostante la super emozione del momento non si era dimenticati di noi. In un attimo anni e anni di sacrifici, kilometri macinati, litigate ( ci sono state anche quelle), si sono dissolti in uno sventolare di bandiere. Nei giorni successivi abbiamo seguito le regate come meglio potevamo, ma non era facile: alcuni campi di regata erano lontanissimi dalla costa, la copertura mediatica per quanto riguardava la vela era molto scarsa. Indipendente dal risultato finale la cosa che più contava era il fatto di essere li, che nostra figlia aveva realizzato il suo sogno e che nel suo sogno c’eravamo anche noi.

The Rio 2016 Olympic Sailing Competition features 380 athletes from 66 nations, in 274 boats racing across ten Olympic disciplines. Racing runs from Monday 8 August through to Thursday 18 August 2016 with 217 male and 163 female sailors racing out of Marina da Gloria in Rio de Janeiro, Brazil. Sailing made its Olympic debut in 1900 and has been a mainstay at every Olympic Games since 1908. For more information or requests please contact Daniel Smith at World Sailing on marketing@sailing.org or phone +44 (0) 7771 542 131.

The Rio 2016 Olympic Sailing Competition features 380 athletes from 66 nations, in 274 boats racing across ten Olympic disciplines. Racing runs from Monday 8 August through to Thursday 18 August 2016 with 217 male and 163 female sailors racing out of Marina da Gloria in Rio de Janeiro, Brazil. Sailing made its Olympic debut in 1900 and has been a mainstay at every Olympic Games since 1908. For more information or requests please contact Daniel Smith at World Sailing on marketing@sailing.org or phone +44 (0) 7771 542 131.

unknown

The Rio 2016 Olympic Sailing Competition features 380 athletes from 66 nations, in 274 boats racing across ten Olympic disciplines. Racing runs from Monday 8 August through to Thursday 18 August 2016 with 217 male and 163 female sailors racing out of Marina da Gloria in Rio de Janeiro, Brazil. Sailing made its Olympic debut in 1900 and has been a mainstay at every Olympic Games since 1908. For more information or requests please contact Daniel Smith at World Sailing on marketing@sailing.org or phone +44 (0) 7771 542 131.

13925673_1760050374237926_3301886812429788600_o

The Rio 2016 Olympic Sailing Competition features 380 athletes from 66 nations, in 274 boats racing across ten Olympic disciplines. Racing runs from Monday 8 August through to Thursday 18 August 2016 with 217 male and 163 female sailors racing out of Marina da Gloria in Rio de Janeiro, Brazil. Sailing made its Olympic debut in 1900 and has been a mainstay at every Olympic Games since 1908. For more information or requests please contact Daniel Smith at World Sailing on marketing@sailing.org or phone +44 (0) 7771 542 131.

Annunci

0 Responses to “[105]: Olimpiadi Rio”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: